Castro

Ci sono tre cose che, una volta a Castro, non si possono perdere o tralasciare: il Castello con quattro torri e risalente al XI secolo; la Cattedrale, datata al 1171 e costruita, forse, su un antico tempio greco; le numerose grotte presenti lungo il litorale roccioso.
Delle quattro torri del Castello la più alta si chiama Torre del Cavaliere, il panorama è bellissimo sia che si guardi verso nord (direzione Santa Cesarea Terme) sia verso sud (direzione Andrano e Tricase).
La grotta più famosa di tutte nel Salento si trova a Castro ed è quella della Zinzulusa, il nome deriva dalla presenza al suo interno di stalattiti e stalagmiti che alla luce del sole ricordano i panni appesi, in dialetto “li zinzuli”. Vi si può accedere via mare ed è un reale esempio di biodiversità.
Un’altra grotta di Castro è la Grotta Romanelli, importante per i resti d’arte parietale risalenti al Paleolitico. Altre grotte degne di un cenno sono la Grotta Azzurra e la Grotta Palombara.

La cittadina ricorda in ogni minimo particolare gli antichi borghi di pescatori con il caratteristico porto e le grotte scavate nella costiera. Fanno da sfondo le case pittoresche.
Si inseguono senza sosta insenature e calette, belle scogliere, fondali marini di eccezionale bellezza, che, per ricchezza faunistico-marina, sono l’ideale per un sub in cerca di una nuova Atlantide, e dinanzi ad un panorama simile sembra non servire null’altro.

Ci sono molte manifestazioni ed eventi durante l’anno, con particolare cadenza durante l’estate. Nei giorni che precedono Ferragosto, infatti, ci sono celebrazioni religiose e civili, come quelle della Vergine del Rosario, protettrice della parrocchia di Castro Marina. In tale occasione si tiene una suggestiva processione via mare della statua della Vergine collocata su un barcone da pesca e trasportata lungo la costa nel tratto che va dalla Grotta della Zinzulusa alla marina di Marittima, il tutto seguito da un fantastico spettacolo pirotecnico.
Altra attesissima tappa festosa è quella della Sagra del Pesce Fritto, una delle più apprezzate sul fronte gastronomico.
Nei dintorni c’è la bella linea costiera di Santa Cesarea Terme verso nord, e verso sud ci sono le splendide insenature delle Marine di Marittima e Andrano.

La Marina di Marittima, con estensione di circa 3 km, fa mostra di sé sotto forma di affascinanti pizzi, punte, grotte, insenature pittoresche, comode spiaggette, agevoli approdi.
Tale Marina comprende le zone: Arenosa, Chianca Liscia, Serriti, Marine Colella, Porticelli, Acquaviva e Marina dell’Aia. Di queste Acquaviva e Chianca liscia sono le più importanti.

La Marina di Andrano ha ricevuto più volte il riconoscimento di Bandiera blu. Due chilometri di litorale in cui gli ospiti possono scegliere tra diverse tipologie di costa, chi le spiagge come “La Botte”, Marina della Torre ha due punti di balneazione davvero suggestivi “Il Fiume” e la “Grotta Verde” caratterizzata da una particolare colorazione dell’acqua, color verde smeraldo.

Si ringraziano in ordine: ilpaesenuovo.it per l’immagine di Castro Marina; orsamaggiore.it per l’immagine relativa alla Grotta della Zinzulusa; salento.it per l’immagine dell’Insenatura d’Acquaviva; albergolalocanda.it per l’immagine della Grotta Verde.